Gli stili di maggiore tendenza per arredare la tua casa

Quanti stili conosci per arredare casa? In che modo potrai declinare gusto e stile grazie all’arredo? Ti sei mai chiesto qual è il tuo gusto prediletto per ciò che riguarda l’arredamento? Oggi parleremo di gusto e stile, due concetti che molto spesso passano in secondo piano quando si arreda la casa. Il rischio sempre dietro l’angolo è quello di affidarsi agli affari senza valutare ciò che davvero ci piace per cui, in breve tempo, saremo stufi dell’arredo e ci verrà quell’insaziabile voglia di ricominciare da capo.

Affidati sempre agli esperti

Per questo il trucco per arredare casa con uno stile ben preciso è quello di stabilirlo fin dall’inizio, riflettendo su cosa ci attira maggiormente e su quel carattere d’arredo di cui siamo certi che non ci stancheremo mai. Un altro buon consiglio è quello di rivolgersi ad aziende sempre fornite e dall’offerta variegata, come Milani home srl, in modo da toccare con mano le differenze tra i vari stili e poter fare affidamento sul buon consiglio degli esperti d’arredo. Vediamo ora quali sono gli stili più di tendenza nel settore arredo a partire dalle definizioni e dalle caratteristiche che li contraddistinguono.

L’arredo moderno

Al primo posto spicca l’arredo moderno, uno stile che abbraccia design molto ampi ma che possiamo inquadrare per delle caratteristiche ben precise come linearità, limpidezza e pulizia. L’arredo moderno, infatti, sfrutta linee ordinate e semplici e si fonda su tavolozze di colori limitati che riprendono grossomodo quelli dei materiali maggiormente utilizzati, ovvero vetro, acciaio e metalli vari. Un arredo moderno è semplice ma non per questo noioso e si coniuga anche con gli elettrodomestici più evoluti che puntano al risparmio energetico e alla sostenibilità.

Vedi Anche  Consigli del fabbro: come riconoscere il materiale

Lo stile minimal

L’arredo moderno non va confuso con quello minimalista anche se, talvolta, i due si sovrappongono. Un arredamento minimalista è ancora più semplificato di quello moderno perché sfrutta il minimo spazio indispensabile per fornire essenzialità e libertà di movimento in casa. L’arredo minimal lascia davvero poco spazio a ingombri e suppellettili perché fornisce il minimo indispensabile per vivere la casa con confort e praticità. Anche per questo i colori che lo caratterizzano tendono ad essere neutri e semplificati, magari alternati da contrasti lucidi e opachi che diventano parte essenziale dell’arredo.

L’arredo industriale

All’arredo minimal segue naturalmente quello industriale che trae ispirazione dallo stile urbano donando effetti duri e crudi con colorazioni a mattoni in vista e altri dettagli poco raffinati. Lo stile industriale piace perché associa il cemento al legno non trattato e ripone la bellezza degli ambienti nel loro insieme, non di certo nei dettagli.

Shabby Chic e Bohemien

Infine ci sono gli arredi più “caotici” come gli stili shabby chic e bohemien che sono tutto l’opposto di quelli appena trattati. Lo stile bohemien, per esempio, è allegro e spensierato e prevede tessuti a fantasie scozzesi, sedie diverse tra loro, lampadari d’epoca laccati e mobili in legno colorato di bianco. Lo Shabby, invece, è puramente vintage e tende ad essere più delicato del Bohemien. Si ispira alle abitazioni inglesi di campagna e propone stoffe, fiocchi, fiori e dettagli in colori pastello, in crema o in bianco. Qual è il tuo preferito?